Grandi temi

IL 25 APRILE - IO CI SONO

Oggi ricorre l'anniversario della giornata della Liberazione. Un giorno importante, che ogni democratico sa di dover tenere a mente per sempre. E' uno spartiacque, un monito perenne contro il fascismo, e non una giornata di derby tra "comunisti e fascisti" come ha scioccamente dichiarato un gerarca minore dell'attuale governo.

Per questa giornata, che ognuno di noi celebrerà a proprio modo, Libertà e Partecipazione intende  fare qualcosa in più. Oggi, 25 Aprile 2019, Libertà è Partecipazione pubblicherà articoli, testimonianze e commenti su questa data così importante, dal significato storico e sociale altissimo.

Ognuno di noi potrà dare il proprio contributo, riportando foto, interviste e link che permettano a tutti di leggere su questo avvenimento.
Leggere e informarsi è l'antidoto più efficace contro il fascismo, e il cancro correlato, il razzismo. Non stancatevi domani di partecipare alla Celebrazione ONLINE per il 25 Aprile, giornata della Liberazione. E naturalmente potrete commentare ciò che pubblicate, o che altri hanno pubblicato, in una sorta di vera e propria festa collettiva online. Siate anche voi testimoni di un altro 25 Aprile

Grazie a tutti
Il Coordinatore e il Comitato Direttivo

Per aggiungere dei commenti, devi essere membro di Libertà è Partecipazione!

Join Libertà è Partecipazione

Inviami un'e-mail quando le persone aggiungono una risposta –

Risposte

  • W la libertà, quella che ho insegnato ai miei figli, quella che mi fa essere cittadina del mondo. La libertà va difesa e mai data per scontata.

  • W il 25 aprile w la resistenza e l'antifascismo . 

  • Un po' di dati e riferimenti

    http://www.storiaxxisecolo.it/liberazione/liberazione_copia(1).htm

    Centro studi della Resistenza: La Liberazione
    Centro Studi della Resistenza: il primo portale della guerra di liberazione! Schede storiche, bibliografie, guide, risorse on line su fascismo, ant…
  • Data l'importanza dell'evento, e a causa degli inconvenienti tecnici sul sito che sono intervenuti oggi, proseguiremo anche domani con la pubblicazioni di storie e chiarimenti sul 25 Aprile.
    Non ci interessano le false schermaglie del Governo sull'argomento, ma ci interessa continuare a far vivere la memoria di un giorno speciale, che per l'amore di gente speciale, le partigiane e i partigiani, rande la nostra vita normale.
    E si, vorremmo ringraziare, perchè ebbero un ruolo solo apparentemente secondario, le partigiane, che resero possibile l'organizzazione della rete partigiana ad un livello maggiore di quanto avrebbe potuto essere senza di loro. Vere eroine ed eroi che diedero la loro vita perché la nostra fosse migliore e libera.
    Quindi grazie, e domani continueremo la celebrazione di questa data epocale

  • Un tastimonianza dall'Espresso

    http://espresso.repubblica.it/attualita/2016/04/25/news/25-aprile-i...

    25 aprile 1945, il primo giorno di festa: la Liberazione nei diari di Pieve Santo Stefano
    Tra i diari scritti dagli italiani durante la Seconda Guerra Mondiale e conservati nell'Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano ecco alc…
  • Qui a PAvia il prefetto che governa la città dipo le recenti dimissioni del Sindaco,  ha respinto la proposta ANPI che aveva proposto come oratore ufficiale Pietro Scaramucci,fondatore di Radio Popolare. Il prefetto, per evitare oratori "troppo divisivi" ha scelto invece il rettore dell'Università Fabio Rugge, Qui il discorso censurato di Scaramucci 

    https://www.radiopopolare.it/2019/04/piero-scaramucci-in-onda-il-di...

     

    Piero Scaramucci, in onda il discorso cancellato a Pavia
    Non sempre togliere voce a chi non si vuol far parlare è così facile. Per fortuna. Piero Scaramucci, assurdamente escluso, in corsa, dalle celebrazio…
  • Da: Patria Indipendente - 2016

    VANNA VACCANI, partigiana combattente di Savona. Ecco cosa raccontò a Patria nel 1976

    Mi trovavo in carcere ad Albenga, quando il 24 aprile, attraverso l’inferriata della cella mi giunsero all’orecchio e si protrassero per ore, rumori di motori, vocii, urla, ordini; capii che stava accadendo qualcosa di grosso, Ci fu silenzio, poi una voce anonima gridò: «i fascisti sono scappati su per il Cisano, liberiamo i prigionieri!».

    Il cigolio della porta della mia cella che si apriva era in quel momento una musica meravigliosa che risuonava alle mie orecchie e soprattutto nel mio cuore. Quel giorno di primavera, 24 aprile, uscivo dalla prigione con su di me i segni terribili e indelebili morali e fisici del mio periodo di carcere. Ritornavo libera infettata dalla scabbia, martoriata ed angosciata nell’animo; partivo da Albenga sulla canna della bicicletta di un mio amico pompiere e assieme a lui che mi aveva aperto la cella mi avviavo verso Savona.

    Dopo un viaggio svoltosi sotto una violenta sparatoria giungevo a Savona, alla mia casa. Dentro di me c’era timore e tristezza perché sapevo ciò che vi avrei trovato ed infatti la mamma stava seduta su una sedia (la rivedo come fosse oggi) senza parole al di là del dolore, ferita a morte indelebilmente dal crudele assassinio del mio caro fratello Franco di 18 anni (alla sua memoria fu poi concessa la Medaglia d’Argento al valor Militare – ndr). Nella mia casa non si poteva gioire della riconquistata liberta […]. Attraverso la finestra mi giungevano i canti della Liberazione e l’aria che profumava di libertà. Quel 25 aprile io ero idealmente nella piazza felice e partecipante benché di persona vivevo un’atmosfera di angoscia e di disperazione.

    Dopo due giorni incominciai ad assolvere ad un altro triste incarico: il recupero delle salme dei miei compagni Caduti.

  • LA MIA LIBERAZIONE” (Da L'Espresso-2016)

    Soldati alleati a Roma
    Soldati alleati a Roma

     

    Il 4 giugno 1944 i soldati americani entrano a Roma. È una giornata-icona. Le jeep circondate dai romani in festa, il generale Clark, i tedeschi in fuga lungo la Cassia. Ma per una donna che vive nel cuore della città, in via dell’Oca, dietro piazza del Popolo, è una giornata come tutte le altre, solo disturbata da spari e rumori in più. Lei, Fedora Brcic, ha un solo pensiero, quello di suo marito prigioniero in Polonia che non torna a casa. E, nello scrivere, si rivolge a lui. Dalle sue parole non traspare, nemmeno per un attimo, la felicità che stava travolgendo tutti i romani.

    “4 giugno 1944, domenica. Stasera nuovamente traffico col carbone per la cena ed ora eccomi qua a buttar giù due righe per il resoconto della giornata. Poco fa è tornata la luce. Proprio ora Olga mi dice di aver sentito nel cortile la notizia che gli anglo-americani sono entrati a Roma alle 9,15! Che Dio ti protegga mio dolce amore: il mio affetto farà il resto! Ore 22: mezz’ora fa si sono sentiti i rumori di carri armati, poi la gente incominciò ad uscire dalle case, battere le mani ai nuovi venuti… Tutti gli inquilini uscirono sui pianerottoli ed io pure feci lo stesso. Seppi così che proprio davanti al portone ci sono stati tre morti: un americano e due tedeschi: i due che stavano alle mitragliatrici di ponte Margherita… Mi sono coricata alle 22,30…

    5 giugno 1944, lunedì…Poco dopo le 6.00 sentii rumore di carri armati e andai alla finestra. File interminabili di camionette e carri armati adorni di bandiere italiane e tanta folla ai lati che batteva le mani, agitava fazzoletti, agitava le braccia in segno di saluto… Verso le 10,30 esco per vedere se potevo trovare qualcosa per il pranzo… Se Dio vuole sono arrivata alla rosticceria… Il cuoco mi mise in mano una carta di roba ancora calda dicendomi: ’50 lire’, ed io presi l’involucro senza sapere cosa contenesse… erano due belle bistecchine ai ferri…
    7 giugno 1944… Io provo una gran pena adesso che sono tutti raggianti. La tua lontananza in mano di quelle canaglie mi mette tanta amarezza nell’animo. La guerra finirà presto ed io spero con tutte le mie forze che tu possa raggiungermi tra non molto”.

  • 25 Aprile,  riflessioni. 

    La Resistenza è uno dei valori fondanti della ns Repubblica e della ns Democrazia.  

    Credo sia intollerabile vedere esposto uno striscione inneggiante a Mussolini nella ns cara Milano. Questo gesto non è solo una provocazione di cui curarsi poco visto che la democrazia non è in pericolo,  ma è un reato punito come apologia del fascismo : 

    La legge n. 645/1952 sanziona chiunque promuova od organizzi sotto qualsiasi forma, la costituzione di un'associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista, oppure chiunque pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche.

    Come tale venga subito perseguito. 

    Seconda riflessione , sul caso Siri.  Siri è un avversario politico , un leghista,  già condannato per bancarotta fraudolenta , cosa sulla quale i grillini son passati tranquillamente sopra nella fase di spartizione delle poltrone. Colui che per la lega sta costruendo l ipotesi "FLAT tax".  Un leghista.  Quanto di più lontano da me.  Eppure sentire Dimaio parlare di "c'è odore di mafia,  si sente dire...  Pare che..." ecc .mi rivolta lo stomaco.  

    Hanno combattuto , sono morti,  affinché noi avessimo uno stato DI DIRITTO,  non uno stato del sospetto.  Dobbiamo difendere questi valori , se non vogliamo che metodi pseudo fascisti vengano sdoganati al seguito del populismo imperante.  

    Buon 25 aprile a tutti.  

    1952
    Il 1952 (MCMLII in numeri romani) è un anno bisestile del XX secolo. Lista dei capi di Stato e di governo nel 1952 Eventi 22 gennaio: in Italia, Pa…
This reply was deleted.

Per seguire una discussione cliccate sul suo titolo.   Potrete aggiungere un commento o una domanda inserendo il testo che volete nel riquadro in fondo alla pagina e poi cliccando su "Rispondi" o rispondere ad un commento particolare (cliccare sul "Rispondi" scritto in caratteri piccoli sotto al commento al quale volete reagire) inserendo il vostro testo nel riquadro.   Dopo aver "postato" il vostro commento/domanda avete ancora 15 minuti per poterlo eventualmente correggere.   Se una discussione vi interessa particolarmente potete cliccare su "Segui" in fondo alla discussione.   In questa maniera riceverete un messaggio e-mail ogni volta che un nuovo commento sarà inserito nella discussione.    Cliccando su "Non seguire più" potete interrompere in ogni momento l'invio di questi messaggi.

Ogni tipo di intervento è il benvenuto.   Dall'intervento di tre o quattro paragrafi che presenta in maniera esauriente un argomento particolare alla domanda di spiegazioni supplementari di due righe.   I temi proposti hanno lo scopo di lanciare una vera discussione e quindi le espressioni di dissenso da quanto scritto nei testi introduttivi o da quanto affermato nei commenti da altri partecipanti sono le benvenute.   Cliccate qui per un'avvertenza importante a proposito del bottone "Elimina".

Salvaguardia discussioni

Economia e politica fuori dell'Unione europea

Economia e politica nel mondo IV / gennaio 2015 - 7 maggio 2016
Economia e politica nel mondo III / settembre-dicembre 2014
Economia e politica nel mondo II / agosto 2014
Economia e politica nel mondo I / luglio 2013 - luglio 2014

 

Il processo di integrazione europea

Europa V 2017
Europa IV b / luglio - dicembre 2016
Europa IV a / gennaio - giugno 2016 
Europa III / 2015
Europa II b / settembre - dicembre 2014
Europa II a / gennaio - agosto 2014
Europa I / 2013
Brexit ? / febbraio - 7 maggio 2016 
Le bugie di un'Europa che non mi rappresenta / maggio - ottobre 2014

 

Il funzionamento dell'economia e la politica economica

Che politica economica ? V - 2017
Che politica economica ? IV - 2016
Che politica economica ? III b - 2015 (secondo semestre)
Che politica economica ? III a - 2015 (primo semestre)
Che politica economica ? II - 2014
Che politica economica ? I - 2013
Perché tanti mancano di tanto se possiamo produrre ogni cosa? / aprile-maggio 2016 
Crisi economica mondiale ? Crisi economica italiana ? / novembre 2014 - giugno 2015
I bisogni espressi dalla nostra società / settembre 2014 
La modifica dell'articolo 18 / settembre 2014 - gennaio 2015 
Perché non si investe più in Italia? / giugno 2014 - marzo 2015
Le mitiche riforme / gennaio - aprile 2014 
Il ruolo delle imprese / dicembre 2013

 

I cambiamenti climatici e l'energia

Clima e energia III - 2016 (gennaio - 7 maggio) 
Clima e energia II - 2015 
Clima e energia I - 2014

 

Il Mezzogiorno

Mezzogiorno III / febbraio - 7 maggio 2016 
Mezzogiorno II / luglio - agosto 2015 
Mezzogiorno I / dicembre 2013

 

Immigrazione

Immigrazione 2017
Immigrazione 2015-2016

 

Attività recenti

Ruggiero Borgia ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
1 ora fa
Paolo Autelitano ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
9 ore fa
Maria Pia Balboni è ora membro di Libertà è Partecipazione
ieri
Cristina Favati ha risposto alla discussione di carlo cucco Settimana Democratica - 19 Lug2019 -
Venerdì
carlo cucco ha pubblicato una discussione
Venerdì
Fabio Limiti ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Giovedì
Bruno Taglienti ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Giovedì
giorgio varaldo ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Giovedì
Laura Madusso ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Giovedì
Valentina Falcioni ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Giovedì
Giancarlo D'Errico ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Giovedì
Giovanni Ornati ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Giovedì
Alberto Rotondi ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Giovedì
pierangelo sassola ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Giovedì
pierfelice licitra ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Giovedì
Ermanno Piergiacomi ha risposto alla discussione di Alberto Rotondi Votazione Nuovo Manifesto
Mercoledì
Altro…