Risposte

  • In questo articolo di cui  trascrivo il link prsento un documento che mi sembra inteerssante  la risoluzione presentata nel 2019 al Congresso amricano  per l'avvio di una politica  dedicata al " Green New Deal". La risoluzione fu immediatamente bocciata ma  pur nella sua  attitudine trasgressiva , forse anche parziale e visionaria rapprsenta uno dei primi tentativi di lotta politica negli USA teso ad affermare un cambio di civilità . Mi è sembrato interessante proporvelo per una riflessione comune sul tema che oggi è sempre più attuale e direi " centrale "

     https://ciragionoescrivo.blogspot.com/2020/10/un-cambio-di-civilta-...

     

    UN CAMBIO DI CIVILTA’ – THE GREEN NEW DEAL
      La pandemia che ha messo in ginocchio tutto il nostro mondo , il cambiamento climatico ed il riscaldamento globale   che stanno distruggen...
  • Solo il 18% del fabbisogno energetico itaiano è coperto da FER (Fonti energetiche rinnovabili )mentre ogni anno spendiamo ca 40 MM per importare petrolio greggio e gas naturale.
    Non sarebbe opportuno , pertanto, dedicare almeno la metà dei 209MM di risorse del Recovery Fund destinate all'Italia in investimenti per aumentare in maniera significativa la produzione interna di energia attraverso l'utilizzo di FER?
    Il PD dovrebbe, a vostro parere, farsi portavoce di questo progetto?
     
     
  • Stop al 5G? 

    Il nostro istituto superiore di Sanità non rileva un aumento dei tumori del sistema nervoso centrale (gliomi, scwhannomi,, ecc) che sono quelli sospettati di essere connessi anche alle radiofrequenze usate nella telefonia.

    Vogliamo andare a vedere altri dati? Qui ci sono quelli degli USA

    https://seer.cancer.gov/statfacts/html/brain.html?fbclid=IwAR1WNK5T...

    Qui a pagina 98-99 quelli della Svizzera 

    https://www.nicer.org/.../publications/others/1179-1500.pdf

    Faccio fatca a trovare grafici nazionali, ma sono disponibili molti dati per regioni e province. Qui ci sono quelli di Milano pagine 84-87 

    https://www.ats-milano.it/Portale/Portals/0/AtsMilano_Documenti/Rap...

    Risulta che sono tumori rari con la stessa incidenza in tutto il mondo, circa 6-7 casi su 100 mila per i maschi e un po' meno per le donne. Andamento che non ha subito variazioni con gli anni. Non mi sembra che emerga il quadro catastrofico evocato di vari 

    moviment Stop 5G.

  • Il progetto WAVESTAR sta attirando attenzione per convertire la energia delle onde del marein energia elettrica.

    http://wavestarenergy.com/sites/default/files/Wavestar%20prototype%...

    Gli impianti energetici vanno però valutati con i numeri.

    Leggo dal sito di Wave Star che la produzione di potenza di Picco può essere 600 kilowatt (kW) e la produzione annuale di energia elettrica è intorno a 3 GWh (gigawatt ora) per ogni unità. Il consumo annuale italiano di energia elettrica è 300 mila GWh.

    Quindi per soddisfare il bisogno elettrico italiano occorrerebbero 100 mila unità Wave Star.

    Oppure 70 centrali a turbogas di 500 Megawatt elettrici di potenza.

    Come si vede, la strada è ancora lunga, molto lunga.

    http://wavestarenergy.com/sites/default/files/Wavestar%20prototype%20at%20Roshage%20-%20performance…
  •  C'è molto dibattito sulle nuove frequenze dello standard 5G e molticitanoo ad uno studio dell'Istituto Ramazzini sulle radiofrequenze, che ne dimostrerebbe la pericolosità. 

    Molti comuni, citando questo studio, hanno deliberato il divieto a installare rpetirtori sul loro territorio.

    Ho analizzato la pubblicazione del Ramazzini. Qui i risultati:

    https://drive.google.com/file/d/12zhJ9fIvudR9SkeFlbYIdth8ZV5myrkd/v...

    Ramazzini.pdf
  • Come si legge dall'interessante nota di Alberto le moderne auto elettriche usano batterie al litio.

    Attualmente per una batteria per auto si impiega circa 10-20 kg di litio. Se si dovesse convertire l'intera produzione auto ad elettrico si può stimare  un fabbisogno di litio di 450.000 tonnellate di Litio.

    Pur essendo il litio uno dei materiali più diffusi in natura ha una bassa concentrazione pertanto l'estrazione avviene utilizzando laghi salati prosciugati ed attualmente la quantità estratta ogni anno non supera (fonte wiki) le 75.000 tonnellate anno.

    I maggiori produttori di litio sono Cile Australia Cina Argentina ed USA. In Europa ci sarebbe la possibilità di estrarlo dall'acqua di mare ma impianti simili esistenti in UK in Sicilia ed in Sardegna (per l'estrazione dell'ossido di Magnesio) sono stati chiusi da anni per problemi di impatto ambientale. Quindi Europa dipendente dalle importazioni per giunta da paesi non sempre affidabilii

    Oltre al problema del recupero del litio usato (la vita di una batteria è di circa 4 anni ) che al momento non ha ancora soluzioni c'è un altro problema che a mio modesto parere di utilizzatore (uso batterie al lito per alcune moto) è sottovalutato e che è la sicurezza.

    Per poter caricare le batterie occorre fornire una tensione di 3,6 V per elemento con una tolleranza minima : Sotto i 3,55 V la batteria non si carica e sopra i 3,7 V si surriscalda ed è a rischio di esplosioni ed incendi (accaduti nei primi anni di utilizzo anche su aerei).

    Le battrie in commercio sono dotate di circuiti di controllo della carica che tagliano la corrente per tensioni superiori a quela critica , Sino ad ora le auto elettriche anche grazie alla loro scarsa diffusione sono seguite dalle case tramite centri di manutenzione gestiti direttamente dalle case automobilistiche. Ma quale sarà la situazione quando questa tipologia di mezzo sarà largamente diffuso anche in paesi nei quali l'attenzione e la cura dei mezzi non sono controllati dalle autorità? 

    E non parlo solo di paesi del terzo mondo .. basta farsi un giro in molte realtà del nostro paese per verificare quanto scarsa se non nulla sia l'efficacia dei controlli.

    D'altronde le decisioni politiche sono quasi sempre prese ignorando la realtà. Vedi ad esempio l'uso di benzina verde su mezzi privi di marmitte catalitiche euro zero. Ma quale governo latino si prende la briga di mettere fuori legge questi mezzi ,?

    Dovrebbero iniziare dalle dalle aziende pubbliche di trasporto.. figuriamoci se lo fanno per i comuni cittadini!

  • Alcune note sull'auro elettriica

      Il punto fondamentale per capire dal punto di vista energetico il problema dell'auto elettrica è che il rendimento del motore a scoppio su strada è intorno al 22% mentre il rendimento del motore elettrico è superiore al 95%. Quindi c'è un risparmio netto di combustibili fossili a produrre energia elettrica per le auto che non mettere direttamente la benzina nelle auto.

    La via giusta è quella di usare il gas e le centrali a turbogas, che hanno un rendimento del 65%. Il gas è quello che inquina meno di tutti, emettendo il 50% in meno di co2 rispetto al carbone il 30% in meno rispetto al petrolio. Quindi con centrali a gas che producono elettricità per le auto si risparmia il 40% almeno della energia oggi impiegata dalle auto. Se addirittora l'energia provenisse da centrali a energia rinnovabile, si risparmierebe il 100%.

    Ma l'attuale sistema elettrico è in grado di supportare l'auto elettrica? Contrariamente a quanto si crede sì, perché in Italia c'è un grande surplus di energia elettrica rispetto al fabbisogno. Però molte di queste centrali, che normalmente sono spente, sono le vecchie centrali a olio combustibile, che sono inquinanti e che hanno un basso rendimento, intorno al 30%. Però la sostituzione con centrali a turbogas è abbastanza rapida ed è facilmente fattibile. Purtroppo questi fatti sono sconosciuti agli improvvisati governanti che abbiamo oggi e anche a molte persone che sono contrarie a cose sacrosante come i gasdotti e la tap, che sono invece infrastrutture indispensabili per dimezzare le nostre emissioni di CO2 e implementare l'auto elettrica.

    L'auto elettrica attuale presenta ancora il problema delle batterie. Per capire questa questione bisogna introdurre la giusta unità di misura dell'energia, che è il kilowattora (kWh) cioè 1000 wattora (Wh). E' l'energia ad esempio che spendo per stirare mezz'ora con un ferro di potenza di 2 kW: 2kW x 0.5 h = 1 kWh.

    La energia di 1kWh è contenuta in 0.1 litri di benzina/gasolio (un bicchiere), in 7 kg di batterie al litio e in 25 kg di batterie al piombo. Questi numeri mostrano il grande salto tecnologico che abbiamo avuto passando dal piombo al litio, ma che non ha risolto completamente il problema dello stoccaggio di energia. Attualmente, con 1kWh, un'auto a benzina/gasolio percorre circa 1,5 km, un'auto elettrica ne percorre 7, circa 5 volte di più, dati i rendimenti (elettrico 95%, benzina 20-30%). Inoltre, stando in coda col motore acceso la macchina tradizionale consuma, quella elettrica no.

    Conclusione: la difficoltà di stoccare energia con le batterie è solo in parte compensata dall'alto rendimento del motore elettrico. Ci siamo avvicinati al motore a scoppio, ma non ci siamo ancora. La Nissan LEAF prima versione aveva una batteria di 24 kWh, caricabile in 8 ore a casa con la potenza di 3 kW, e una autonomia di circa 170 km. L'ultima versione pare un po' migliorata.

    Poi ci sono i costi delle batterie, la durata,lo smaltimento e i materiali di cui sono composte, tutti fattori che potrebbero essere critici,ma come fisico qui esco un po' dalle mie conoscenze, perché ci sono questioni chimiche e ingegneristiche che non conosco. Il Litio è comunque uni degli elementi più abbondanti in giro.

    Quali prospettive? Secondo me ci potrebbe essere un salto tecnologico decisivo con i super condensatori: potrebbero stoccare più energia/kg, sono passivi e non richiedono reazioni chimiche, sono ricaricabili all'infinito e in modo rapido, non si degradano. Se le ricerche sui supercodensatori avranno successo, in 30 anni passeremo alla auto elettrica. Comunque dei fossili ne abbiamo ancora bisogno: è il combustibile con la più alta concentrazione energia/kg,è indispensabile per far volare aerei e muovere camion dall'equatore alla Siberia.

    Infatti, dai dati che ho riportato, risulta che con 1 kg di benzina/gasolio (1.2 litri) si fanno circa 20 km, con 1 kg di batterie al Litio se ne fa soltanto 1. Come concentrazione di energia, i fossili battono le batterie di 20 volte!

    Quello che si deve fare è quindi sostituite olio e carbone col gas, per dimezzare le emissioni e sviluppare in parallelo le rinnovabili. Ed è indispensabile trovare nuovi modi per immagazzinare energia. Con buona pace di chi si oppone ai gasdotti. 

    http://www.rinnovabili.it/.../auto-elettriche.../

    Auto elettriche: supercondensatori battono le batterie al litio
    Svolta nell'accumulo per le auto elettriche: realizzato un polimero che regala ai supercondensatori una densità di energia superiore alle batterie.
  • Alcune cifre sul mercato delle auto elettriche in Europa.

    https://www.key4biz.it/auto-elettriche-l85-del-mercato-controllato-...

    Auto elettriche, l’85% del mercato controllato da sei Paesi Ue ad alto reddito. Non c’è l’Italia
    Auto elettriche: facciamo troppo poco per superare il gap con i Big europei e se le infrastrutture rappresentano solamente il 2,35% del totale nell’U…
  • https://www.key4biz.it/efficienza-energetica-lavoro-50-mila-persone...

    Efficienza energetica, da lavoro a 50 mila persone in Italia. Le rinnovabili salgono al 17%
    Nuovo Rapporto GSE 2016: in Italia ogni 10 kWh consumati per far luce, scaldarsi o muoversi, 2 arrivano dalle fonti energetiche rinnovabili.
  • cosa spaventa della regione Abruzzo. e' il comportamento dei parlamentari PD.
    Possiamo fare un documento?
This reply was deleted.

Per seguire una discussione cliccate sul suo titolo.   Potrete aggiungere un commento o una domanda inserendo il testo che volete nel riquadro in fondo alla pagina e poi cliccando su "Rispondi" o rispondere ad un commento particolare (cliccare sul "Rispondi" scritto in caratteri piccoli sotto al commento al quale volete reagire) inserendo il vostro testo nel riquadro.   Dopo aver "postato" il vostro commento/domanda avete ancora 15 minuti per poterlo eventualmente correggere.   Se una discussione vi interessa particolarmente potete cliccare su "Segui" in fondo alla discussione.   In questa maniera riceverete un messaggio e-mail ogni volta che un nuovo commento sarà inserito nella discussione.    Cliccando su "Non seguire più" potete interrompere in ogni momento l'invio di questi messaggi.

Ogni tipo di intervento è il benvenuto.   Dall'intervento di tre o quattro paragrafi che presenta in maniera esauriente un argomento particolare alla domanda di spiegazioni supplementari di due righe.   I temi proposti hanno lo scopo di lanciare una vera discussione e quindi le espressioni di dissenso da quanto scritto nei testi introduttivi o da quanto affermato nei commenti da altri partecipanti sono le benvenute.   Cliccate qui per un'avvertenza importante a proposito del bottone "Elimina".

Salvaguardia discussioni

Economia e politica fuori dell'Unione europea

Economia e politica nel mondo IV / gennaio 2015 - 7 maggio 2016
Economia e politica nel mondo III / settembre-dicembre 2014
Economia e politica nel mondo II / agosto 2014
Economia e politica nel mondo I / luglio 2013 - luglio 2014

 

Il processo di integrazione europea

Europa V 2017
Europa IV b / luglio - dicembre 2016
Europa IV a / gennaio - giugno 2016 
Europa III / 2015
Europa II b / settembre - dicembre 2014
Europa II a / gennaio - agosto 2014
Europa I / 2013
Brexit ? / febbraio - 7 maggio 2016 
Le bugie di un'Europa che non mi rappresenta / maggio - ottobre 2014

 

Il funzionamento dell'economia e la politica economica

Che politica economica ? V - 2017
Che politica economica ? IV - 2016
Che politica economica ? III b - 2015 (secondo semestre)
Che politica economica ? III a - 2015 (primo semestre)
Che politica economica ? II - 2014
Che politica economica ? I - 2013
Perché tanti mancano di tanto se possiamo produrre ogni cosa? / aprile-maggio 2016 
Crisi economica mondiale ? Crisi economica italiana ? / novembre 2014 - giugno 2015
I bisogni espressi dalla nostra società / settembre 2014 
La modifica dell'articolo 18 / settembre 2014 - gennaio 2015 
Perché non si investe più in Italia? / giugno 2014 - marzo 2015
Le mitiche riforme / gennaio - aprile 2014 
Il ruolo delle imprese / dicembre 2013

 

I cambiamenti climatici e l'energia

Clima e energia III - 2016 (gennaio - 7 maggio) 
Clima e energia II - 2015 
Clima e energia I - 2014

 

Il Mezzogiorno

Mezzogiorno III / febbraio - 7 maggio 2016 
Mezzogiorno II / luglio - agosto 2015 
Mezzogiorno I / dicembre 2013

 

Immigrazione

Immigrazione 2017
Immigrazione 2015-2016

 

Attività recenti

Giovanni Ornati ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
25 Ott
Giuseppe Ardizzone ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
25 Ott
Giovanni Ornati ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
24 Ott
Giuseppe Ardizzone ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
24 Ott
Giovanni Ornati ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
22 Ott
Giuseppe Ardizzone ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
22 Ott
Giuseppe Ardizzone ha risposto alla discussione di Fabio Colasanti Clima, energia e ambiente
22 Ott
Ermanno Piergiacomi ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
24 Set
Giuseppe Ardizzone ha risposto alla discussione di Fabio Colasanti Il Partito Democratico
24 Set
Giuseppe Ardizzone ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
24 Set
Giuseppe Ardizzone ha risposto alla discussione di Fabio Colasanti Clima, energia e ambiente
23 Set
Giovanni Ornati ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
9 Ago
Alois Mariella ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
9 Ago
Giovanni Ornati ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
9 Ago
Giovanni Ornati ha risposto alla discussione di Mario Pizzoli VITA DI CIRCOLO
7 Ago
Imperia Zottola ha pubblicato una discussione
4 Ago
Altro…